50 anni di ASI a Bardolino

ven 12 agosto 2016

Una giornata tutta dedicata alla storia dell’automobile, un’occasione unica che porterà Bardolino al centro dell’attenzione di tutti gli appassionati del settore. Mercoledì 14 settembre, infatti, decine di auto storiche e moto d’epoca sfileranno e sosteranno nel paese, a coronamento dei festeggiamenti per i 50 anni di fondazione dell’ASI, la federazione nazionale Automotoclub Storici Italiani, nata proprio nella città lacustre nel 1966 e che oggi conta 263 club federati e 38 club aderenti, riunendo circa 200 mila appassionati di veicoli storici e rappresentando istituzionalmente il motorismo storico italiano presso tutti gli organismi nazionali ed internazionali competenti. La giornata è organizzata da Benaco Auto Classiche in collaborazione con la Fondazione Bardolino Top.

Partiranno da Bardolino, dunque, i festeggiamenti per questi 50 anni di attività, per proseguire, poi, a Torino e Milano per tutta la settimana: «Portare nella sua sede naturale, dove la federazione è nata, le celebrazioni per un anniversario così importante ci sembrava un atto dovuto – ha spiegato Alessandro Lonardelli, presidente di Benaco Auto Classiche federata all’Asi – e nonostante le forti pressioni siamo riusciti ad ottenere proprio l’apertura di questo appuntamento nazionale, anticipando le grandi iniziative che si svolgeranno nelle principali città italiane».

A partire dalle 8.30, 150 auto storiche e 10 moto d’epoca sosteranno sul lungolago, in una sorta di viaggio nella storia dei motori. La disposizione dei mezzi, infatti, sarà in ordine cronologico, partendo da Piazza del Porto e andando verso Parco Carrara Bottagisio. Saranno le vetture nate prima della guerra mondiale iniziata nel 1915 ad aprire le danze, come spiega lo stesso Lonardelli: «Non è solo un’esposizione, ma deve essere anche un momento di informazione e di formazione sullo sviluppo motoristico nelle varie epoche. È per questo che a partire dalle 15, sotto la Torre Catullo, passeremo in rassegna tutte le auto, presentandole e dando le specifiche di ogni modello presente. Un modo per valorizzare quello che rimane un patrimonio sia storico che economico».

In Piazza Matteotti, invece, dove è stato firmato il documento di nascita dell’ASI, verrà esposta una targa a memoria dell’evento: «Avremo con noi anche uno dei fondatori, l’ultimo ancora in vita, una memoria storica di quelle vicende che portarono alla nascita di questa importante realtà» ha concluso Lonardelli.

Oltre al lungolago anche parte del centro storico sarà interessato dalla manifestazione, con alcune auto che sosteranno nel nuovissimo Borgo Munus, dove saranno premiate dalle autorità. La chiusura dell’evento è prevista alle 17.30, con le vetture che faranno rotta verso Torino, sede dei festeggiamenti nazionali che partiranno il giorno dopo.

 

 

 

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più